provincia di vicenza
Ricerca associazioni indicazione motore di ricerca
Nome Categoria Comune


Culturali
logo associazioni vicentine Un libro per raccontare
Autore: Alessandro Scandale   Data: 12/01/18
Un nuovo appuntamento con le novità bibliografiche, in collaborazione con l'associazione Amici del Libro
testo normale testo più grande testo molto grande Segnala l'articolosegnala l'articolo Stampa l'articolostampa l'articolo

 

Il grande libro della grappa (Hoepli) è un titolo che non può mancare nella biblioteca degli amanti del genere, soprattutto vicentini. Un volume molto curato, con illustrazioni di qualità    che racconta la storia della grappa dalla vigna all'alambicco, dall'alambicco alla bottiglia e dalla bottiglia al calice, realizzato a quattro mani dal giornalista Cesare Pillon e dal sommellier Giuseppe Vaccarini. La grappa è stata la più plebea delle acquaviti - forse quella italiana la prima al mondo a essere stata distillata - fino a quando non è riuscita a proporsi nella pienezza del suo fascino, e allora si è rivelata la più aristocratica delle essenze. In assenza di un disciplinare rigoroso che ne tuteli la produzione e la trasparenza in etichetta, gli autori di questo volume si mettono in gioco per questa difficile impresa per fornire al consumatore gli strumenti per orientarsi da solo nella giungla delle bottiglie che gli sono proposte; il tutto all'insegna della verità documentata. Un lungo lavoro di ricerca, interviste e confronto con realtà storiche del territorio italiano legate alla creazione dell'acquavite d'uva per costruire una autentica guida alla conoscenza della storia della grappa, di ieri e di oggi.

 

Mary Karr, autrice de Il club dei bugiardi (E/O) racconta la storia ambientata a metà degli anni ’50 a Leechfield, la cittadina petrolifera più piccola e provinciale del Texas orientale. Mary Karr, la "regina del memoir" americana, ha riscritto la sua infanzia difficile a fianco della madre alcolizzata e malata di mente. Leechfield, dove il padre lavorava nell’estrazione dell’oro nero, è un ambiente in cui l’alcolismo e il malessere psicologico sono comuni e da cui gli uomini che lavorano in città sfuggono alla sera, quando si ritrovano al bar a raccontarsi storie, appunto inventate. In quell'ambiente cosa può fare una bambina di cinque anni? Tutto e niente. Se si vuol tacere di quelle che potevano definirsi discussioni familiari, ma che sarebbe stato più esatto chiamare esaurimenti nervosi, incendi e sparatorie. Il club dei bugiardi è la storia di una famiglia disperata e felice, di un’infanzia difficile e consapevole, di uno dei tanti sogni americani che ogni giorno cadono a pezzi. Ma soprattutto è la storia memorabile di come si possa sopravvivere a tutto questo.


Catherine Dunne torna in libreria con Come cade la luce (Guanda), dopo aver pubblicato molti romanzi di successo che l'hanno resa una delle scrittrici più apprezzate al mondo. A vent'anni dal grande successo de la metàdi niente, in questo nuovo romanzo l’autrice racconta come una condizione di grave disabilità possa influenzare la vita quotidiana della famiglia Emilianides che si trova a fare i conti con il dolore, la sofferenza ma anche l’affetto profondo che li lega indissolubilmente. Una famiglia costretta a lasciare Cipro e a trasferirsi in Irlanda dopo il colpo di Stato del 1974. L'autrice irlandese tesse con delicatezza una nuova, grande storia famigliare, in cui ci troviamo a crescere, amare, illuderci e soffrire assieme a Melina, ad Alexia e ai vividi personaggi che popolano le loro vite, in una Dublino di cielo e acqua. Un romanzo che ci interroga sull’inesorabile verità dei sentimenti.

Vai all'archivio delle news archivio news

 • Commenta l'articolo  
Il tuo nome*
La tua e-mail*
Titolo*
Commento*
Privacy(Clicca qui) Accetto privacy
Codice di verifica Riporta il codice
   
 





associazioni vicentine   Ideato e realizzato da Webetico.com webetico.com comunicazione e solidarità
Creative Commons License