provincia di vicenza
Ricerca associazioni indicazione motore di ricerca
Nome Categoria Comune


Volontariato
logo associazioni vicentine Il Volontariato: settori e servizi
Autore: Alessandro Scandale   Data: 00/00/00
Per quanto riguarda il profilo di chi opera nelle organizzazioni di volontariato, più della metà è occupata (52,2%), il 29,5% è pensionato, il 18,3% comprende una categoria composita fatta di studenti, casalinghe, disoccupati e persone in cerca di prima occupazione. Considerando il titolo di studio: il 12,4 è laureato; il 44,4% diplomato, il 42,8% ha un titolo di studio più basso.
 
testo normale testo più grande testo molto grande Segnala l'articolosegnala l'articolo Stampa l'articolostampa l'articolo
Per quanto riguarda il profilo di chi opera nelle organizzazioni di volontariato, più della metà è occupata (52,2%), il 29,5% è pensionato, il 18,3% comprende una categoria composita fatta di studenti, casalinghe, disoccupati e persone in cerca di prima occupazione. Considerando il titolo di studio: il 12,4 è laureato; il 44,4% diplomato, il 42,8% ha un titolo di studio più basso.

I settori di attività prevalenti sono la sanità (28%) e l’assistenza sociale (27,8%), che tuttavia decrescono a favore della ricreazione e cultura, protezione civile e protezione dell’ambiente che passano rispettivamente dall’11,4% al 14,6%, dal 6,4% al 9,6% e dal 2,2% al 4,4%. Tra il 1995 e il 2003 c’è stato un aumento nei settori della ricreazione e cultura, protezione civile e protezione dell’ambiente. È costante il peso relativo delle organizzazioni attive nell’istruzione, nella tutela e protezione dei diritti e nelle attività sportive.

I servizi più diffusi sono quelli dell’ascolto, sostegno e assistenza morale (19,9%) e donazione di sangue (17,4%), ma anche servizi ricreativi (14,5%) accompagnamento e inserimento sociale (13%), realizzazione di corsi tematici (12,9%), l’organizzazione di spettacoli (12,6%) le campagne di informazione (11,8%) l’assistenza domiciliare (11,8%), il trasporto di anziani e disabili (11,4%), le esercitazioni di protezione civile (11,3%) e le prestazioni di soccorso e trasporto malati (10,7%).

Le categorie di utenti che si sono rivolti alle varie associazioni di volontariato ci sono quelle dei malati e traumatizzati (51,6%), degli utenti senza specifici disagi (9,9%), degli anziani autosufficienti (9,4%), dei minori (7,7%), degli immigrati (4,3%), dei portatori di handicap (2,8%), degli individui in difficoltà economica (2,5%), dei familiari di persone con disagio (2,4%), degli anziani non autosufficienti (2,2%) e dei senza tetto (1,1%).

Oltre che numerica, la crescita è anche in termini di qualità organizzativa, dal momento che le associazioni di volontariato sono sempre più formalizzate: 96 su 100 hanno uno statuto; sono registrate con atto pubblico, 6 su 100 sono gruppi informali; dispongono di almeno due organi di governo, 9 su 100 ne hanno più di 1; la maggioranza ha anche un regolamento interno con cui definisce procedure e linee-guida di azione per gli aderenti.

E a conferma di un impegno sempre più rigoroso, diminuiscono consistentemente le organizzazioni composte dai soli volontari, aumentano invece associati e professionisti nei gruppi. Questo innanzi tutto per effetto della crescita degli organismi di tipo associativo e mutualistico. La maggioranza delle unità opera sia a vantaggio dei propri aderenti che dei non aderenti. In esse i soci garantiscono sostegno economico e base sociale oltre che una mobilitazione generale negli eventi importanti. In secondo luogo, si registra una crescita di una presenza professionale nel volontariato organizzato, con l’inserimento di operatori remunerati.
Vai all'archivio delle news archivio news

 • Commenta l'articolo  
Il tuo nome*
La tua e-mail*
Titolo*
Commento*
Privacy(Clicca qui) Accetto privacy
Codice di verifica Riporta il codice
   
 





associazioni vicentine   Ideato e realizzato da Webetico.com webetico.com comunicazione e solidarità
Creative Commons License